Uboldi: «Riparto motivato» L’obiettivo è il settimo tricolore
Davide Uboldi

Uboldi: «Riparto motivato»
L’obiettivo è il settimo tricolore

Il quarantaseienne pilota comasco sarà al via del campionato italiano Sport Prototipi

Davide Uboldi sarà anche quest’anno l’avversario da battere nel campionato italiano Sport Prototipi.

Il quarantaseienne pilota comasco annuncia, infatti, la sua presenza nella serie tricolore 2020 riservata alle Wolf Gb08 Thunder motorizzate Aprilia Rsv4, forte della sua esperienza nella serie che gli ha già dato quattro titoli italiani.

L’obiettivo rimane sempre quello di raggiungere cinque tricolori nei Prototipi, che ai due precedenti tra Formula Junior e Formula 3, salirebbero a sette in carriera. «Ho debuttato nel campionato italiano Prototipi – spiega il portacolori di Uboldi Corse – con la pole position nella prima gara all’autodromo di Magione nel 2004. Ci sono stati anni buoni e meno buoni, ma al di là dei quattro titoli conquistati mi sono tolto anche tante soddisfazioni. Riparto, quindi, più che mai motivato con l’obiettivo di fare meglio del quinto posto assoluto del 2019».

È aumentata la concorrenza? «Il numero dei partecipanti è sempre di 24 continua Uboldi -, quindi non ci sono variazioni significative, salvo la più che legittima ambizione dei giovani di emergere. Sarà quindi una sfida sempre molto stimolante».

Vista l’emergenza di questi giorni per il coronavirus, teme che la stagione possa essere falsata? «Il calendario del campionato prevede la partenza il 31 maggio ad Imola. Sono certo che per allora il problema sia stato messo alle spalle. Anzi mi auguro che si risolva molto prima questa situazione difficile per tutti».

Il cammino tricolore osserverà anche quest’anno sei tappe. Dopo Imola proseguirà a Misano (28 giugno), raggiungerà l’autodromo del Mugello (19 luglio), e ritornerà nuovamente a Misano per il primo fine settimana di agosto.

Si tornerà a correre nel weekend del 20 settembre a Vallelunga e poi il gran finale si disputerà nel fine settimana del 18 ottobre a Monza sulla pista del Gran Premio d’Italia di Formula 1.


© RIPRODUZIONE RISERVATA