Lunedì 27 Agosto 2012

Circe Versilia, figli dicono no a grazia

(ANSA) - FIRENZE, 27 AGO - Niente grazia per Maria Luigia Redoli, meglio conosciuta come la Circe della Versilia, condannata all'ergastolo con l'accusa di essere la mandante dell'uccisione del marito Luciano Iacopi, accoltellato dall'ex amante della donna, Carlo Cappelletti, il 17 luglio 1989 a Forte dei Marmi. Ad opporsi ad ogni forma di perdono sono i due figli, Diego e Tamara, secondo quanto riferisce il quotidiano Il Tirreno che oggi pubblica una lettera inviata dalla figlia anche a nome del fratello.

PUC

© riproduzione riservata