Lunedì 27 Agosto 2012

Eternit:difesa, il processo e' da rifare

(ANSA) - TORINO, 27 AGO - Il maxi-processo Eternit doveva essere celebrato da una Corte d'Assise e non, come e' accaduto, da un tribunale. E' questa la mossa a sorpresa degli avvocati difensori di Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero condannato a sedici anni di reclusione per i danni provocati dagli stabilimenti italiani della multinazionale dell'amianto, contenuta nell'atto di appello. Se questa tesi venisse accolta, il complicato dibattimento dovrebbe ricominciare dal primo grado.

BRL

© riproduzione riservata