(ANSA) - ROMA, 1 DIC - Un aumento del 60% dei nuovi casi diHIV fra gli adolescenti entro il 2030, se i progressi siarrestano. "Ogni 2 minuti un adolescente, con molte probabilitàuna ragazza, contrae l'HIV''. E' quanto afferma l'Unicef.Secondo un nuovo rapporto lanciato oggi, se entro il 2030 nonverranno effettuati ulteriori progressi per raggiungere gliadolescenti, i nuovi casi di contagio da HIV per questa fasciadi età aumenteranno fino a 400.000 ogni anno, rispetto ai250.000 del 2015 in tutto il mondo. L'AIDS rimane una delle cause principali di morte fra gliadolescenti: nel 2015 ha causato 41.000 vittime fra i ragazzitra i 10 e i 19 anni, secondo il settimo rapporto sui bambini el'AIDS 'For Every Child: End AIDS'. Il mondo "ha fatto enormiprogressi per porre fine all'AIDS, ma la battaglia è ancoralontana dall'essere conclusa, soprattutto per quanto riguarda ibambini e gli adolescenti", ha dichiarato il direttore generaleUNICEF Anthony Lake.