Orlando a Cei, diritti aspettano

Orlando a Cei, diritti aspettano

(ANSA) - ROMA, 11 MAG - "Ho rispetto per la Cei ma ritengo quella scelta necessaria e anche un po' tardiva rispetto a ciò che si è sviluppato nel tempo nella società e a diritti che da troppo tempo chiedono un riconoscimento, e da ministro della Giustizia aggiungo che da anni la Corte di Strasburgo ci segnala che categorie di cittadini non hanno un riconoscimento per legge dei propri diritti". Così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, interpellato sul testo sulle unioni civili e sulle reazioni della Cei.


© RIPRODUZIONE RISERVATA