Vampira sola per la new wave iraniana

(ANSA) - ROMA, 20 GIU - Un film iraniano senza Iran. Questo potrebbe essere il titolo paradossale di 'A Girl Walks Home Alone at Night' di Ana Lily Amirpour in sala con Academy 2 dal 27 giugno per la rassegna 'Nuovo Cinema Teheran'. Di scena una vampira, droghe, una città fantasma (Bad City), sangue, prostitute e auto americane. Ovvero una fusione di generi, tra citazioni horror, spaghetti western, noir, autori come David Lynch e Tarantino, graphic novel e New Wave iraniano, tecno e musica alla Morricone. Girato in un perfetto bianco e nero a Taft (California), l'opera prima della londinese di origine iraniana Ana Lily Amirpour si diverte insomma a citare mettendo in campo una città iraniana fantasma, molto maledetta, dove una vampira solitaria (Sheila Vand), con un certo senso etico, minaccia gli abitanti brutti, sporchi e cattivi girando su un lugubre skateboard. Ma quando la ragazza incontra Arash (il James Dean iraniano interpretato da Arash Marandi), qualcosa smuove i suoi sentimenti fino forse a redimerla almeno un po'.


© RIPRODUZIONE RISERVATA