Sabato 07 Novembre 2009

Ocse: Italia a timone ripresa, ma i sindacati restano prudenti

Roma, 7 nov. (Apcom) - I segnali di ripresa nei paesi Ocse e le indicazioni positive che provengono dall'Italia dimostrano "che la virulenza della crisi si è placata" ma comunque occorre "essere molto cauti e potenziare le difesa per i lavoratori". E' prudente il commento del leader della Cisl, Raffaele Bonanni, sugli ultimi risultati del superindice previsionale dell'Ocse, che vede l'Italia nel gruppo di testa sul fronte del recupero, assieme a Francia, Gran Bretagna e Cina. "Bisogna - ha detto Bonanni - vedere quale sarà la conseguenza di un percorso così lungo di crisi. Ecco perchè bisogna essere molto cauti e rafforzare le terapie che pure abbiamo utilizzato nell'ultimo anno e mezze". Non è stupito dai dati Ocse, il presidente dell'Abi, Corrado Faissola: "Io ho sempre avuto grande fiducia nell'Italia, quindi i dati mi rallegrano molto ma non mi sorprendono altrettanto". Per il leader dell'Ugl, Renata Polverini, "se la ripresa c`è, come certifica l`Ocse e ribadisce il governo, non si esiti allora ad avviare le riforme di cui il paese ha bisogno. A cominciare da una riforma fiscale che ripristini un principio di giustizia ed equità, con particolare attenzione alle famiglie". Per l'Ocse "una ripresa è chiaramente visibile negli Stati Uniti, in Giappone e in tutte le altre maggiori economie". Ma questi sviluppi positivi, che seguono quelli giunti nei giorni scorsi dai dati sul Pil americano, continuano a scontrarsi con dinamiche allarmanti sul fronte del lavoro. La stessa Ocse invita alla cautela. A settembre il superindice per la media dei 30 paesi aderenti ha segnato un incremento di 1,3 punti rispetto al mese precedente, e di 3,4 punti nel paragone su base annua. Per l'Italia è avanzato di 1,3 punti dal mese precedente, mentre la crescita su base annua, pari a 10,8 punti è la più consistente tra i paesi elencati.

Mlp

© riproduzione riservata