Lunedì 09 Novembre 2009

Natale, a ruba i criceti robot, milioni invadono case Usa, Gb

Roma, 9 nov. (Apcom) - Un'orda di criceti robot sta invadendo le case di milioni di consumatori, e saranno questi nuovi giocattoli a fare la gioia dei bambini il prossimo Natale. In Nord America e Gran Bretagna vanno già a ruba, riporta il Financial Times, le catene di giochi e di grande distribuzione non riescono a tenere il passo della domanda. Battezzati "Zhu Zhu Pets" o "Go Go Pets" a seconda dei mercati, hanno capacità interattive e un costo molto allettante: attorno ai 7 euro l'uno. Secondo il produttore nel verrano venduti 12 milioni di pezzi entro Natale. Il fenomeno è così esplosivo da finire in prima pagina sul quotidiano finanziario britannico, che cita operatori del settore secondo cui si potrebbe ripetere il successo registrato anni or sono dalle "Ninja Turtles". Le bestiole hanno, alimentate a batterie, hanno una reattività al tocco, se stimolate emettono squittii e rumori; hanno due modalità principali: "esplora", oppure "coccole", in cui restano calme per ricevere carezze. Fanno parte di una nuova linea di giochi lanciata la scorsa estate da Cepia, una piccolo produttore americano, con sede a St Louis, nel Missouri, creato nel 2004 dall'imprenditore Russell Hornsby, che in precedenza aveva già ottenuto successi con un sistema spray a batterie. In media, afferma l'industriale, da quando vengono riposti su uno scaffale passano tra 30 secondi e tre minuti prima che un consumatori li prenda per portali alla cassa. E non ci sono solo criceti, al momento il modello più popolare, ma anche scoiattoli, conigli, ricci. Hornsby conta di ricavane un fatturato tra 300 e 400 milioni di dollari entro i prossimi 12 mesi. Il gruppo Toys R Us ha riferito che la domanda è così forte che non verranno messi sul catalogo del prossimo Natale, per evitare delusioni tra consumatori che non dovessero riuscire a trovarli. Wal-mart, il gigante Usa e mondiale della grande distribuzione non li aveva commercializzati fino a questo weekend.

Voz

© riproduzione riservata