Lunedì 16 Novembre 2009

Emilia R./ Sindaco Fidenza:100 euro multa a chi fuma all'aperto

Roma, 16 nov. (Apcom) - Giro di vite del comune di Fidenza, nel parmense, contro "i ripetuti episodi di inciviltà e disturbo della quiete pubblica" nella tranquilla cittadina romagnola. Il sindaco Mario Cantini ha infatti emanato una ordinanza che punta a 'riportare alla calma' la situazione in città e pone un freno agli schiamazzi, ai vandalismi e alle risse in via Ghiozzi, via Berenini, via Don Maffacini, via Carducci, via Malpeli e in tutta l`area verde denominata "San Michele". Una ordinanza che, tra le altre cose, vieta persino di fumare nell'area verde, pena una multa di 100 euro. Senza contare che non si può sedersi sulle scale, non si può sentire musica in auto se il suono 'oltrepassa' la barriera del veicolo e non si può neanche bere una birra all'aperto. E tutti i negozi, per garantire una maggiore tranquillità ai cittadini, devono chiudere i battenti entro le 20. Le violazioni all`ordinanza sono punite con salatissime sanzioni amministrative: 400 euro per il consumo di bevande alcoliche in luogo pubblico, 500 euro per chi abbandona contenitori di cibo e bevande in luogo pubblico o per chi fa la pipì o peggio per strada, 300 euro per chi bivacca all'aperto, si siede sulle scale o sulle panchine, 400 euro per chi vende o somministradi bevande alcoliche dalle 20 alle 7. Più lievi le multe per chi sente l'autoradio ad alto volume, 'solo' 250 euro e per chi si accende una 'bionda' nel parco: il fuorilegge se la caverà con appena 100 euro di multa. Nella zona interessata dall`ordinanza, si legge sul sito del Comune, lungo l`arco dell`intera giornata è vietato consumare in luogo pubblico bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, ad eccezione del consumo nei locali e negli spazi concessi agli esercizi pubblici di somministrazione. Ancora, è vietato abbandonare qualunque contenitore vuoto di alimenti o bevande fuori dai cestini getta-carta, "per garantire la fruibilità degli spazi pubblici" è vietato sedersi sulle scale o sui bordi delle aiuole, bivaccare o sistemare ogni tipo di giaciglio, anche davanti alle porte, nonché "utilizzare le aree per soddisfare i propri bisogni corporali". Dalle 20 alle 7 nell`area interessata dall`ordinanza è vietato vendere e somministrare bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, parcheggiare le auto con strumenti audio che si sentano all`esterno dei veicoli e fumare nell`area verde. Gli esercizi pubblici autorizzati ex legge regionale 14/2003, gli esercizi di vicinato autorizzati ex D.Lgs 114/98, i laboratori artigianali, le attività di vendita o servizio alla clientela devono inderogabilmente chiudere alle 20 di ogni giorno, multa prevista per chi contravviene 250 euro.

Gtz

© riproduzione riservata