Mercoledì 25 Novembre 2009

Processo breve/ Alfano difende sue stime:affidabili,altre non so

Roma, 25 nov. (Apcom) - Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, difende le stime del ministero della Giustizia sull'impatto che il testo sul processo breve avrebbe sull'ordinamento giudiziario, ovvero la 'caduta' dell'1% su 3,3 milioni di processi penali pendenti. "Non ho intenzione di fare guerre di cifre, ma le nostre non sono valutazioni a campione, provengono da rilevazioni trimestrali su 165 uffici giudiziari e 220 sedi distaccate. Per questo ho chiesto alla commissione Giustizia del Senato di audire me e anche chi ha dato altre cifre. I nostri sono numeri certi e voglio che anche chi ha dato altri numeri li metta a disposizione del Parlamento e spieghi su quale base scientifica li ha elaborati".

Gic/Ber

© riproduzione riservata