Venerdì 27 Novembre 2009

Borsa/ Europa ritrova fiducia dopo grande paura su debiti Dubai

Milano, 27 nov. (Apcom) - Dopo la grande paura in scia ai problemi sui debiti del Dubai che ha mandato in fumo oltre 150 miliardi di euro di capitalizzazione, le Borse europee, partite ancora in deciso calo, hanno trovato la forza di invertire rotta e chiudere in positivo, con guadagni superiori al punto percentuale. In controtendenza invece Wall Street che ieri era chiusa per festività e ha quindi scontato oggi con una flessione superiore all'1%, le notizie negative provenienti dall'emirato arabo. A ridare fiducia agli investitori il fatto che a essere esposte verso Dubai World, la holding statale dell'emirato che ha chiesto una moratoria di sei mesi su 59 miliardi di dollari di debito, sono soprattutto banche e società asiatiche. Certo ci sono anche gruppi bancari europei, in particolar modo britannici, ma l'impatto sembra più contenuto rispetto a quanto si temeva ieri. Non risultano invece coinvolte le banche italiane, come chiarito dallo stesso presidente dell'Abi, Corrado Faissola, che ha parlato di una esposizione delle banche italiane "estremamente marginale o inesistente". Diverso il discorso per le imprese che hanno puntato sulla forte espansione immobiliare e infrastrutturale di cui è stato protagonista Dubai. Fra queste c'è il gruppo Todini che è impegnata in una commessa da 78 milioni di euro, ma anche Impregilo. Ora l'attenzione degli operatori è rivolta alle soluzioni che verranno proposte per affrontare la crisi e fra queste circola l'ipotesi di un aiuto da parte dell'emirato di Abu Dhabi le cui finanze dovrebbero essere più solide visto che sono alimentate dal petrolio.

Lzp

© riproduzione riservata