Giovedì 25 Febbraio 2010

Riciclaggio/ Parisi: no a commissariamento Fastweb

Roma, 25 feb. (Apcom) - L'amministratore delegato di Fastweb Stefano Parisi, fermamente contrario all'ipotesi di commissariamento dell'azienda, ha auspicato che, se dovesse verificarsi, fosse "circoscritta alla verifica di eventuali reati e ad evitare eventuali sottrazioni di prove". Nel corso della trasmissione 'La Versione di Oscar' su Radio 24, Parisi ha spiegato che in caso di commissariamento: "La continuità aziendale è comunque garantita, spero bene che non siamo in un paese in cui si chiude l'attività dell'azienda". "Come l'eventuale commissariamento dovrebbe essere attuato non è dato sapere", ha aggiunto, spiegando: "Poiché è una misura cautelare e non una sanzione, spero che sia circoscritta alla verifica di eventuali reati e ad evitare eventuali sottrazioni di prove. Spero che non possa decretare la pena di morte del soggetto cautelato". Parisi ha poi osservato: "Dobbiamo distinguere nel nostro paese tra coloro che fanno bene il loro mestiere e coloro che sono dei criminali. Se facciamo di tutta l'erba un fascio, se confondiamo aziende di primaria qualità e la banda della Magliana, facciamo in modo che gli unici a beneficiarne sono la banda della Magliana".

Mar

© riproduzione riservata