Giovedì 25 Febbraio 2010

Ambiente/ Onda nera del Lambro ha raggiunto il Po nel parmense

Roma, 25 feb. (Apcom) - Delle bandiere mobili ad alta densità "in grado di intercettare la principale arcata pronte provvisorio per mettere una barriera al corso d'acqua, che in questo tratto ha una portata molto consistente" stanno per essere poste su Po dalla protezione civile dell'Emilia Romagna, per tentare di arginare l'onda nera di petrolio, che dal Lambro si è ormai riversata sul grande fiume Po, raggiungendo i comuni della provincia di Parma. Demetrio Egidi, della protezione civile dell'Emilia Romagna, ha spiegato alle telecamere di Sky tg24 che arriveranno anche delle 'centrifughe' per separare l'olio denso dall'acqua ed eliminarlo: "Contiamo - ha detto - che operazione possa essere messa in campo per le prossime 72 ore". Le prime avvisaglie dell' arrivo della macchia oleosa sono state registrate ieri sera dopo le 20, ha reso noto Enel Green Power, e il Po continua a trasportare lungo il tratto piacentino di fiume ingenti quantità di liquido creando un fronte lungo tutti i 400 metri dello sbarramento di Isola Serafini, dove si trova la centrale Enel Green Power. Il fiume sta continuando a trasportare altre chiazze che si vanno addensando, ma al momento lo sbarramento sta trattenendo il liquido.

Apa

© riproduzione riservata