Giovedì 25 Febbraio 2010

Haiti/ Agire: grande risposta appello aiuti, raccolti 13,6 mln

Roma, 25 feb. (Apcom) - Una risposta straordinaria di generosità dimostrata dagli italiani di fronte all`appello lanciato da Agire all'indomani del terremoto che ha devastato Haiti e che ha consentito ad oggi di raccogliere 13,6 milioni di euro. A 5 settimane dal sisma, spiega Agire, i numeri esprimono chiaramente la gravita della situazione: 222mila le vittime accertate, 300mila le persone ancora gravemente ferite, circa 100mila gli edifici completamente distrutti e 190mila quelli danneggiati. Quasi seicentomila persone hanno lasciato la capitale Port-au-Prince, spingendosi nei distretti circostanti e nelle zone meno colpite del paese. Anche se una parte delle infrastrutture essenziali (porto, aeroporto, rete elettrica, collegamenti telefonici, strade principali) permette oggi alle operazioni umanitarie di raggiungere con più facilita le popolazioni colpite, la minaccia delle piogge stagionali e il rischio uragani incombono sul destino di centinaia di migliaia di haitiani. "I risultati incoraggianti della raccolta confermano la grande sensibilita con cui gli italiani si confrontano con le emergenze umanitarie internazionali e l`efficacia del modello di Agire, un comitato capace di unire in un unico meccanismo di coordinamento gli sforzi e le competenze delle organizzazioni non governative italiane - spiega Gianni Rufini, presidente del comitato etico di Agire - Si garantisce così un intervento umanitario efficace e capillare ed un uso razionale dei fondi privati destinati alle emergenze". Grazie ai fondi donati dagli italiani, le Ong di Agire gestiscono la distribuzione di oltre 1,3 milioni di razioni alimentari, l`allestimento di 7.600 rifugi temporanei nei campi profughi per dare riparo ad oltre 40.000 persone, il reinserimento nei processi educativi di 21.000 bambine e bambini, la ricostruzione di almeno 15 strutture comunitarie (scuole, orfanotrofi e centri sanitari) e la realizzazione di 1.360 latrine pubbliche.

Apa

© riproduzione riservata