Mercoledì 17 Marzo 2010

Trani, Napolitano: Rispettare autonomia indagini e ispettori

Roma, 17 mar. (Apcom) - "Vanno in sostanza rispettate - in tutti i casi, compreso quello oggi all'attenzione dell'opinione pubblica - l'autonomia delle indagini e l'autonomia degli interventi ispettivi disposti dal Ministro della Giustizia nei limiti dei suoi poteri". E' quanto afferma il Capo dello Stato Giorgio Napolitano in una dichiarazione resa anche nella qualità di Presidente del Csm. Affrontando la vicenda dell'inchiesta di Trani e dell'invio degli ispettori da parte del ministero della Giustizia, in relazione anche al ruolo del Csm, Napolitano sottolinea: "Il Comitato di Presidenza del CSM ha deliberato martedì 16 di affidare alla VI Commissione la richiesta sottoscritta dalla gran parte dei membri del Consiglio per l'apertura di una "pratica" inerente l'ispezione disposta dal Ministro della Giustizia presso la Procura della Repubblica di Trani. Tale richiesta non poteva discutersi, mancandone i presupposti, come apertura di una 'pratica a tutela' qual è concepita nelle rigorose formulazioni di recente introdotte nel regolamento del CSM ; ed è stata perciò correttamente assegnata alla VI Commissione, competente per 'questioni di carattere generale connesse a rapporti istituzionali'". "E come lo stesso Comitato di Presidenza ha chiarito, il CSM può solo richiamare gli orientamenti generali già indicati da ultimo con deliberazione del 24 luglio 2003 circa i 'rapporti fra segreto di indagine e poteri dell'Ispettorato'. Tali indicazioni sono d'altronde ben chiare a chi svolge attività ispettiva per conto del Ministero della Giustizia e a chi dirige la Procura di Trani, che le ha infatti in questi giorni pubblicamente richiamate. Come recita lo stesso regolamento del CSM, quest'ultimo può prendere in esame 'le relazioni conclusive delle inchieste amministrative eseguite dall'Ispettorato generale presso il Ministero della Giustizia', e non pronunciarsi preventivamente sullo svolgimento di dette inchieste", rileva il capo dello Stato. "Così come queste non possono interferire nell'attività di indagine di qualsiasi Procura, esistendo nell'ordinamento i rimedi opportuni nei confronti di eventuali violazioni compiute dai magistrati titolari dei procedimenti", conclude Napolitano.

Tom

© riproduzione riservata