Sabato 20 Marzo 2010

Regionali, prende quota ipotesi rinvio nel Lazio. Oggi decisione

Roma, 20 mar. (Apcom) - Sembra andare verso il rinvio il voto per la Regione Lazio. La richiesta avanzata da Vittorio Sgarbi, infatti, dopo la riammissione della sua lista, decisa dal Tar, non lascerebbe altra scelta alla Regione. L'ipotesi di un ricorso al decreto salva-liste potrebbe essere tecnicamente praticabile se il Consiglio di Stato oggi si esprimesse in favore della sua applicabilità nel Lazio, nonostante la vigenza della legge elettorale regionale. Ma significherebbe smentire due ordinanze consecutive del Tar. D'altra parte finora Palazzo Spada, giudicando il ricorso precedente improcedibile, ha evitato di esprimere qualsiasi valutazione sul problema. E, oltretutto, il collegio che giudicherà domani sui ricorsi sarà completamente diverso da quello di una settimana fa. Insomma, potrebbe anche esprimersi in favore del decreto. Il rischio, però, in ogni caso, è che anche se il salva-liste fosse applicabile secondo il Consiglio di Stato, rimane sempre in bilico la decisione della Consulta, la cui pronuncia definitiva arriverà solo dopo il voto. E che potrebbe dichiarare il decreto illegittimo. Vittorio Sgarbi ha già annunciato l'intenzione di chiedere l'annullamento delle elezioni, nel caso in cui non venga concesso il rinvio del voto. Il rischio, perciò, respingendo la richiesta del rinvio, sarebbe altissimo. Non solo, ma se domani il Consiglio di Stato dovesse riammettere la lista Pdl per la Provincia di Roma, quest'ultima potrebbe acquistare il diritto di chiedere il rinvio a sua volta (dipenderebbe dalle motivazioni con cui sarebbe riammessa) e non si può escludere che lo eserciterebbe. Perciò, secondo alcune fonti, spinto da queste valutazioni, il vicepresidente della Regione, Esterino Montino, si starebbe orientando verso la concessione del rinvio del voto. In ogni caso, fanno sapere dalla Regione, la decisione non arriverà prima di oggi, e probabilmente si attenderà fino alla decisione del Consiglio di Stato, prima di renderla nota.

Dpn/

© riproduzione riservata