Sabato 20 Marzo 2010

Francia/ Twitter nei guai dopo i gossip su Sarkozy e Carla Bruni

Roma, 20 mar. (Apcom) - L'indiscrezione era sensazionale e il suo impatto "planetario". Carla Bruni aveva una relazione extraconiugale con un musicista, mentre Nicolas Sarkozy andava a letto con una delle sue "ministre". Il messaggio pubblicato su Twitter da Aude Baron, una giornalista online francese, e rilanciato da altri reporter ha infiammato tutta la rete. Quasi immediatamente riviste di gossip e tabloid hanno ripreso la storia, costringendo Sarkozy a una risentita smentita durante una conferenza stampa con Gordon Brown a Londra. Era sostanzialmente nato uno scandalo internazionale, malgrado i reporter che avevano messo in circolazione le voci sostenessero di non avere la minima idea se fossero vere. La stessa Baron ha candidamente ammesso di aver semplicemente ripreso un pettegolezzo senza verificarlo. "E' stata una specie di scherzo", ha dichiarato al Times. Ma come è possibile - si chiede oggi il quotidiano britannico - che un paio di irriverenti commenti su internet siano sfociati in un baccano che ha imbarazzato il capo di stato francese durante una visita a Londra per preparare il vertice dell'Unione europea? La risposta, la conclusione del Times, sta nelle ambiguità di Twitter, il sito di microblogging utilizzato da centinaia di milioni di persone in tutto il mondo ogni mese. La maggior parte degli internauti se ne serve come social network, che offre la possibilità di una conversazione con amici e conoscenti. Agli occhi della legge è un mezzo di comunicazione come tutti gli altri, soggetto alle stesse regole di giornali e televisione. Le indiscrezioni sulle scappatelle di entrambi i coniugi Sarkozy erano iniziate a circolare già nei giorni delle loro nozze-lampo, intorno a febbraio 2008. Gli ultimi gossip - Carla Bruni che frequenta il cantante Benjamin Biolay, Sarkozy che ha una relazione con il ministro dell'Ecologia francese Chantal Jouanno - sono iniziati a gennaio e sono apparsi inizialmente su Twitter 'postati' da utenti comuni.

fco

© riproduzione riservata