Domenica 02 Maggio 2010

Grecia/ Atene annuncia piano di austerità in cambio degli aiuti

Roma, 2 mag. (Apcom) - La Grecia ha annunciato oggi una cura di austerità senza precedenti per i prossimi tre anni, in cambio di massicci aiuti internazionali per un ammontare di circa 100 miliardi di euro, che serviranno a salvare Atene dalla bancarotta, evitando un contagio della crisi ad altri paesi dell'eurogruppo. Questo piano di rigore, che prevede il taglio della tredicesima e della quattordicesima degli impiegati pubblici e un aumento dell'Iva, imporrà nuovi sacrifici a una popolazione già costretta a difficili prove. Il piano messo a punto ad Atene, giudicato "molto ambizioso" dal cancelliere tedesco Angela Merkel, prevede anche tagli alla spesa pubblica da 30 miliardi di euro entro il 2012 e il rientro del deficit pubblico a 3% entro il 2014, con una riduzione di 11 punti percentuali in quattro anni. I ministri delle Finanze dell'eurogruppo si sono intanto riuniti nel pomeriggio di oggi a Bruxelles per dare il via libera agli aiuti per la Grecia. Prima della riunione, il commissario Ue agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, si è detto fiducioso circa la possibilità di sbloccare i fondi stanziati dai paesi europei e dal Fondo monetario internazionale, che dovrebbero aggirarsi "intorno ai 110 miliardi di euro", secondo quanto hanno detto fonti diplomatiche. Il piano di austerità greco, oltre che dalla Merkel - che ha assicurato che si impegnerà per far sbloccare gli aiuti dal Parlamento tedesco entro venerdì -, è stato accolto "con favore" anche dal consiglio dei governatori della Banca centrale europea, mentre stando a quanto riferito da fonti diplomatiche a Bruxelles, il piano di aiuti dell'eurozona dovrebbe ricevere l'approvazione finale da parte dei capi di Stato e di governo dell'eurogruppo durante un vertice straordinario convocato il 7 maggio. Secondo le fonti, il piano, che sarà 'convalidato' oggi dai ministri delle Finanze dell'eurozona, verrebbe approvato durante "una colazione o un pranzo di lavoro" dei leader (ovvero, fuori dal linguaggio diplomatico, durante un pranzo o una cena) "probabilmente il 7 maggio a Bruxelles"

Plg-Loc

© riproduzione riservata