Giovedì 06 Maggio 2010

Nigeria/ Morto presidente Yar'Adua, 7 giorni di lutto nazionale

Abuja, 6 mag. (Apcom) - Il presidente della Nigeria Umaru Yar'Adua è morto ieri a 58 anni per gravi problemi cardiaci dopo essere scomparso della scena politica nello scorso mese di novembre. "È vero che il presidente è deceduto", ha confermato Segun Adeneyi, il portavoce della presidenza. Ieri notte, il presidente ad interim Goodluck Jonathan, che ha assunto l'incarico il 9 febbraio, aveva riunito il governo per discutere i dettagli della sepoltura del capo dello Stato, prevista per oggi, non appena possibile, secondo la tradizione islamica. Yar'Adua sarà sepolto nello stato di Katsina, nel nord del paese, suo luogo di origine, ha dichiarato il portavoce del presidente ad interim, Ima Niboro. Le autorità locali hanno decretato sette giorni di lutto nazionale, mentre per domani è stata decisa una giornata di 'ferie'. Jonathan, che presterà giuramento già oggi per diventare presidente con pieni poteri, ha accolto la notizia con "choc e tristezza". "La nazione è in lutto e sono sicuro che tutto il mondo è in lutto con noi questa sera", ha dichiarato appena ricevuta la notizia della morte di Yar'Adua. Il presidente americano Barack Obama ha espresso il suo cordoglio. "Ci ricorderemo con rispetto dell'integrità personale profonda del presidente Yar'Adua e del suo impegno profondo per il servizio pubblico, come pure della sua fiducia appassionata nel potenziale immenso e nel luminoso futuro di 150 milioni di nigeriani", ha detto in particolare Obama. Umaru Yar'Adua era stato eletto nel 2007 ed era succeduto a Olusegun Obasanjo, che lo aveva designato come suo successore in seno al Partito Democratico del Popolo. Malato da mesi, era stato ricoverato a novembre in Arabia Saudita prima di fare ritorno in incognito nel suo paese il 24 febbraio scorso. Le sue condizioni di salute sono state tenute sotto stretto silenzio al punto che lo stesso Jonathan aveva ammesso di non essere stato autorizzato a recargli visita. (fonte Afp)

Coa

© riproduzione riservata