Domenica 30 Maggio 2010

Ragazzo gay aggredito a Roma: appello a premier, azioni concrete

Roma, 30 mag. (Apcom) - Un appello al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, "affinché venga approvata la legge contro l'omofobia": a farlo è il giovane di 22 anni che la scorsa settimana, ma la notizia è stata resa nota solo ieri da Arcigay, è stato vittima di una aggressione omofoba in via Cavour, in pieno centro di Roma. Il giovane, dimesso ieri mattina dall'ospedale dove era stato ricoverato a causa delle gravi lesioni riportate, si trova ora a casa con i propri familiari e preferisce, al momento, non intervenire in pubblico e continuare a mantenere la propria privacy per agevolare il corso delle indagini. "Volevo ringraziare Gay Help Line - dice in una breve dichiarazione diffusa tramite Arcigay - per il sostegno ricevuto e tutte le istituzioni per la solidarietà espressami, però credo ci sia bisogno di azioni concrete e volevo fare un appello al presidente Berlusconi affinché venga approvata la legge contro l'omofobia e nello stesso tempo mi auguro che le forze dell'ordine - aggiunge - risolvano il mio come tutti gli altri casi irrisolti". "Come atto di civiltà - si augura infine - spero che ci sia una partecipazione attiva al prossimo Gay Pride di Roma del 3 luglio dove sicuramente parteciperò anche io".

Apa

© riproduzione riservata