Martedì 01 Giugno 2010

2 giugno/ Napolitano: Occorre sentirsi nazione unita e solidale

Roma, 1 giu. (Apcom) - In un momento di crisi "difficile" com'è quello attuale l'Italia deve "sentirsi nazione unita e solidale". E "sentirsi italiani significa riconoscere come problemi di tutti noi quelli che preoccupano le famiglie in difficoltà, quelli che nei giovani suscitano, per effetto della precarietà e incertezza in cui si dibattono, pesanti interrogativi per il futuro". Lo sottolinea il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un passaggio del video messaggio preparato in occasione della Festa della Repubblica che si celebra domani. "Parlo - spiega il capo dello Stato - dei problemi del lavoro e della vita quotidiana, dell'economia e della giustizia sociale. Stiamo attraversando, nel mondo e in particolar modo in Europa, una crisi difficile: occorre dunque un grande sforzo, fatto anche di sacrifici, per aprire all'Italia una prospettiva di sviluppo più sicuro e più forte. Per crescere di più e meglio, assicurando maggiore benessere a quanti sono rimasti più indietro, l'Italia deve crescere tutta, al Nord e al Sud". Napolitano invita a guardare ai giovani, a "promuovere una migliore educazione e formazione, fare avanzare la ricerca scientifica e tecnologica, elevare la produttività del nostro sistema economico: solo così - dice - si potrà creare nuova e buona occupazione".

Arc

© riproduzione riservata