Sabato 05 Giugno 2010

Manovra/ Anm: Pronti a sacrifici ma no tagli iniqui

Roma, 5 giu. (Apcom) - I magistrati sono pronti a fare "sacrifici" per contribuire a far fronte alla crisi, ma "non accettano" i tagli "iniqui e irragionevoli" contenuti nella manovra del governo. È per questo che "diciamo basta e facciamo sentire la nostra voce". Il presidente dell'Anm, Luca Palamara, ha spiegato così le ragioni delle iniziative di protesta messe in campo, a cominciare da una giornata di sciopero di tutti i magistrati il prossimo primo luglio. "Non ci stiamo - ha detto aprendo i lavori del 'parlamentino' dell'Anm - ad essere trascinati in una situazione in cui la magistratura viene indicata come una casta. Siamo consapevoli della crisi economica e dei nostri doveri, ai quali non intendiamo sottrarci. Ma è nostro dovere denunciare gli aspetti iniqui e irragionevoli di questa manovra, che penalizza in modo ingiusto soprattutto i più giovani, facendo pagare di più a chi guadagna di meno e di meno a chi guadagna di più. Questo è inaccettabile". Una posizione ribadita dal segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini: "E' difficile far capire le nostre ragioni di fronte ad una propaganda che ci dipinge come nababbi che difendono i loro privilegi. Ma con la nostra protesta forte, compatta e unitaria dobbiamo spiegare che noi non vogliamo affatto sottrarci alla necessità di contribuire alla crisi, vogliamo però farlo con equità. Chiediamo quindi che i sacrifici siano equi e proporzionati alla capacità contributiva di ciascuno. Non è tollerabile - ha aggiunto - che i giovani debbano subire una riduzione dei loro stipendi tra il 25 e il 30 per cento. Questo non significa difendere i privilegi di una casta ma i diritti minimi della categoria". Cascini ha sottolineato anche la necessità "mobilitare tutte le forze per sensibilizzare sullo sfascio della giustizia: la manovra colpisce in modo ingiusto anche il personale amministrativo, dobbiamo far capire che non è possibile garantire sicurezza se la giustizia non funziona".

Arc/Sar

© riproduzione riservata