Martedì 08 Giugno 2010

Neonato rapito a Nocera, è caccia ad una donna dai capelli neri

Roma, 8 giu. (Apcom) - Ancora nessuna traccia di Luca, il neonato rapito ieri dall'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. Il piccolo è stato preso da una donna che, vestita di un camice bianco (come confermato dal direttore del reparto ostetricia), si è introdotta intorno alle 14,30 nella stanza della puerpera fingendosi un'infermiera e dicendo che il bambino doveva essere portato nella nursery. Poche ancora le informazioni sulla donna: è alta circa 1.68, capelli neri raccolti in uno chignon, occhiali da vista rettangolari, circa 30 anni e - spiegano i militari - parlava correttamente italiano. Ancora è da chiarire come si sia allontanata dall'ospedale e se sia stata aiutata da un complice. Smentite le indiscrezioni secondo cui sarebbe stata vista ad una stazione ferroviaria. "Stiamo cercando a 360 gradi, dovunque, nelle ricerche e nei posti di blocco su tutto il territorio sono impegnati tutti i militari a disposizione, sono stati richiamati anche tutti i carabinieri che erano fuori sevizio", spiegano i carabinieri di Nocera Inferiore, sottolineando che purtroppo ad ora il piccolo Luca non è stato ritrovato. Insieme ai carabinieri sono mobilitati anche polizia e guardia di finanza, posti di blocco e controlli sono estati estesi anche oltre Nocera. Intanto il padre del piccolo, Fabio Cioffi, maresciallo dell'esercito, ha rivolto un appello in lacrime affinché Luca sia restituito subito alla sua famiglia.

ALE

© riproduzione riservata