Martedì 08 Giugno 2010

Intercettazioni/ Caliendo: Nessuna sanzione penale per editori

Roma, 8 giu. (Apcom) - Nel ddl intercettazioni "non c'è nessuna sanzione penale" per gli editori. "Quello che ho letto sui giornali è sbagliato". Lo assicura il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo, raggiunto al telefono. Per gli editori di giornali "c'è una sanzione pecuniaria che è correlata alla gravità del reato". Resta invece il carcere di tre anni per il giornalista che pubblica intercettazioni delle quali è stata ordinata la distruzione ma secondo il Sottosegretario nessuno violerà quel divieto: "Mi auguro che di fronte a una notizia di cui sia stata disposta la distruzione o l'espunzione dal processo il giornalista non la utilizzi".

Luc

© riproduzione riservata