Sabato 12 Giugno 2010

Berlusconi: No professionisti politica, meglio trincea lavoro

Roma, 12 giu. (Apcom) - "Non ho mai avuto grande considerazione per i professionisti della politica che non hanno un mestiere alle spalle. Io preferisco chi viene dalla trincea del lavoro, coloro che si impegnano quando ne sentono il desiderio e l'urgenza, per completare in Parlamento e nel governo le buone azioni per il proprio Paese". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, rispondendo a una domanda sul sito 'Forzasilvio.it'. "Penso che un leader politico, se vuole veramente interpretare le aspirazioni del popolo che rappresenta, non può vivere in una torre d'avorio. Da imprenditore prestato alla politica - ha aggiunto - io sono e mi sento un uomo d'azione e come tale interpello la gente e poi decido. Per questo dicono che faccio del populismo. Io invece ritengo di fare gli interessi del popolo e la gente mi contraccambia con amore". "Stare tra la gente e parlare con tutti - ha sottolineato il premier - è un modo di comunicare al quale non so rinunciare. Gli agenti preposti alla mia sicurezza volevano impedirmelo dopo l'attentato del 13 dicembre in piazza Duomo. Io per qualche settimana gliel'ho data vinta, ma poi con la campagna elettorale sono tornato a contatto con la gente nelle piazze e nelle strade, e devo ire che le dimostrazioni di affetto che ho ricevuto mi hanno ripagato di tante amarezze".

Bac

© riproduzione riservata