Sabato 12 Giugno 2010

Due giovani 'pestati' a Padova perchè gay e vestiti 'di sinistra'

Roma, 12 giu. (Apcom) - Stavano passeggiando abbracciati davanti a un bar di largo Europa, a Padova, quando sono stati picchiati a calci e pugni da alcuni avventori seduti ai tavolini perchè "gay" e vestiti da "comunisti". Lo riporta Il Mattino di Padova, spiegando che Matteo D., 27 anni, ed Enrico B., 31 anni, sono stati aggrediti attorno alle 3 di notte dopo essere stati insultati. I due giovani hanno chiamato la polizia dopo essere riusciti ad allontanarsi e l'indomani sono andati in ospedale a farsi medicare. Matteo ha riportato una ferita all`occhio destro con 8 giorni di prognosi e ieri hanno raccontato tutto alla Digos. "L`aggressore aveva tra i 25 e i 27 anni, capelli corti, italianissimo - hanno detto - Abbiamo avuto l`impressione che fosse un ragazzo aderente ai gruppi di destra. In questura ci hanno fatto vedere alcune fotografie. Ora speriamo che le telecamere della zona abbiamo ripreso la scena e che in qualche modo si possa risalire alla sua identità". Il Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, promette impegno delle forze dell'ordine per scovare il responsabile di questo intollerabile atto di omofobia, severità da parte della magistratura, che non può ammettere scusanti" ma chiede al governo anche "una legge che contrasti gli episodi di violenza causati da forme di discriminazione". "E' questo un ulteriore episodio che ci fa dire che ciò che vogliono colpire i violenti è l'affettività tra persone dello stesso sesso" sostiene Franco Grillini, presidente di Gaynet. Non basta indignarsi, aggiunge, in riferimento alla mancanza di legislazione che riconosca l'esistenza delle coppie omosessuali. "Per combattere l'omofobia serve essere consapevoli che è necessario combattere innanzitutto il pregiudizio garantendo diritti e pari dignità alle persone lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) per far cessare questo folle vortice di violenze omofobiche".

red/cro

© riproduzione riservata