Giovedì 17 Giugno 2010

Mondiali/ Abete: Buffon preoccupa. Mancano i gol? Ci pensa Lippi

Roma, 17 giu. (Apcom) - "La preoccupazione naturalmente c`è perché si tratta di Gigi Buffon, un grandissimo giocatore, un leader della squadra, un punto di riferimento". Così il presidente della Figc, Giancarlo Abete, sull'infortunio che rischia di mettere fine al Mondiale del portiere della nazionale azzurra. "C`è fiducia nel fatto che le cure a cui viene sottoposto possano determinare un`evoluzione positiva dell`infortunio che ha subito", ha spiegato Abete a Sky Sport riferendosi all'ernia del disco che affligge Buffon, "lo valuteremo nei prossimi giorni. Nel frattempo, come abbiamo visto nel secondo tempo della partita con il Paraguay, abbiamo Marchetti e De Sanctis, ottimi portieri che sono in grado di dare tranquillità alla nostra nazionale". Gli azzurri faticano a costruire gioco ed azioni da gol. Lippi prova delle novità? "Fa parte delle valutazioni tecniche che spettano a Lippi", ha detto Abete, "stamattina, prima dell`allenamento al quale andrò, siamo concentrati su 'Un gol per l`Africa', perchè questi sono gol che restano. Poi, rimane il problema del gol, ma riguarda tutte le Nazionali perché, nelle prime 16 partite, soltanto nella gare della Germania con l`Australia e in quella del Brasile con la Corea del Nord si è visto segnare più di due gol. C`è una netta diminuzione dei gol segnati, una difficoltà a concretizzare il lavoro svolto, un equilibrio notevole, come si è visto anche in occasione della sconfitta della Spagna con la Svizzera". In merito all'iniziativa 'Un gol per l'Africa': "Pensiamo ai grandi problemi del continente african"o: la salute, le risorse idriche, l`istruzione, la formazione. Questo progetto della Federazione, con Amref e Unicef, va in questa direzione, cioè cogliere la grande opportunità del primo Mondiale del continente africano per ricordare a tutti i temi di sviluppo dell`Africa, le grandi esigenze, e testimoniare solidarietà e vicinanza a questo continente". Tornando ai Mondiali il presidente federale si è augurato un'avventura lunga. "Le avversarie? Io ne vorrei incontrare il più possibile, perché significherebbe che siamo andati avanti in questo Mondiale. Ho sempre detto che Brasile e Spagna avevano qualcosa di più: il Brasile ha vinto, la Spagna ha perso, dopo una serie incredibile di risultati positivi. Comunque, se riuscissimo a tenerle il più lontane possibile nella nostra fascia di calendario, sarebbe una cosa buona. Però, al di là dei risultati di Brasile e Spagna, dobbiamo andare avanti e riuscire a incontrare squadre che ci permettano di fare lo show down successivamente". Abete ha poi glissato sul tifo contro gli azzurri di Radio Padania. "Io mi aspetto il tifo per l`Italia da parte di tutti gli italiani e anche da parte di tanti sudafricani. La Nazionale ha sempre unito, ha una dimensione di unità. Anche lo spirito dell`iniziativa dei giocatori, che aveva una logica positiva e non di provocazione, di finalizzare gli auspicati premi al centenario dell`Unità d`Italia. Al di là delle dialettiche della politica, noi siamo dei dirigenti sportivi e abbiamo l`orgoglio di rappresentare il nostro Paese, orgoglio che penso che tutti debbano avere. Quindi, spero che tutti, nessuno escluso, facciano il tifo per l`Italia". Infine sui possibili premi ai calciatori della nazionale: "Questo argomento, che comprendo determini grande attenzione da parte dell`informazione, per la Federazione e per i giocatori, da tantissimi anni, non è mai stato un problema. È un problema che non esiste. I giocatori sono finalizzati al risultato prima ancora che ai premi".

Grd-Caw

© riproduzione riservata