Domenica 27 Giugno 2010

G20/ Obama arriva da vincitore, ma deficit Usa è un boomergang

New York, 27 giu. (Apcom) - Barack Obama si presenta al G20 da vincitore: l'accordo trovato dalla commissione che doveva riconciliare i testi di Camera e Senato sulla riforma della finanza lo mette in posizione di forza rispetto ai colleghi su quello che sarà uno dei temi caldi del vertice, che si conclude oggi a Toronto e che vede l'Italia rappresentata dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Tuttavia per il presidente americano difficilmente la strada sarà in discesa: come ha già fatto nel corso del G8 di venerdì e sabato, Obama cercherà di convincere le controparti che non è ancora il momento di concludere i piani di stimolo all'economia, mettendo a repentaglio la ripresa appena cominciata. Molti dei leader del G20, paesi europei in testa, tremano soprattutto per un possibile allargamento dei problemi di debito della Grecia e mirano a misure drastiche per ridurre il deficit. E proprio il monumentale deficit americano, aggiunto al fatto che i democratici al Congresso hanno nei giorni scorsi bocciato un pacchetto di stimoli per i disoccupati di lungo periodo e per gli stati dell'Unione con i conti in disordine, potrebbero rivelarsi la vera spina nel fianco di Obama, privando della loro forza gli appelli ad azioni decise e congiunte. Senza contare che proprio le divergenze sulla necessità di affrontare più seriamente i problemi del deficit americano sarebbero alla base dell'addio prematuro di Peter Orszag, numero uno dell'ufficio bilancio, in quella che è stata la prima grande defezione all'interno della squadra di Governo di Obama. A spianare la strada al presidente Obama ci ha pensato ieri il segretario al Tesoro Timothy Geithner, secondo cui fare troppo presto marcia indietro con gli stimoli all'economia potrebbe mettere a repentaglio la ripresa. Anche se l'economia globale comincia a rimettersi in sesto, "le cicatrici della crisi sono ancora visibili, per questo dobbiamo concentrarci sulla crescita. La nostra sfida, come G20, deve essere agire per puntellare le prospettive future", ha detto Geithner, aggiungendo che "il ruolo del Governo è creare le condizioni perché il settore privato investa e cresca".

Ars-Emc

© riproduzione riservata