Mercoledì 21 Luglio 2010

Marea Nera/ Bp avrebbe ignorato un rapporto interno su sicurezza

New York, 21 lug. (Apcom) - Per la British Petroleum i guai sembrano non finire mai. Nonostante la situazione nel Golfo del Messico abbia segnato nell'ultima settimana i primi miglioramenti in tre mesi, la scorsa notte la compagnia petrolifera britannica è stata accusata di aver ignorato almeno un mese prima un rapporto interno sulla sicurezza riguardante un problema dell'impianto di trivellazione della Deepwater Horizon, la piattaforma petrolifera affondata lo scorso aprile che ha causato il maggiore disastro ecologico della storia degli Stati Uniti. Oltretutto la Bp non avrebbe seguito le pratiche previste per evitare la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. Ronald Sepulvado, responsabile della piattaforma, ha infatti dichiarato di aver riscontrato e comunicato un problema dell'impianto di sicurezza ai funzionari della compagnia, ma che il suo avvertimento non sarebbe arrivato al Minerals Management Service, ente governativo responsabile delle trivellazioni offshore. "Ho pensato che tutto fosse a posto", ha raccontato Sepulvado. "Avevo comunicato il problema al caposquadra a Houston e lui avrebbe dovuto riferirlo a sua volta al Minerals Management Service". Sepulvado aveva riscontrato un problema al sistema idraulico che controlla il meccanismo che impedisce al petrolio di fuoriuscire in caso di incidente, una serie di valvole sul fondale marino che avrebbero dovuto chiudere il pozzo in caso di emergenza. Il mancato funzionamento del meccanismo è uno dei misteri irrisolti dell'incidente dello scorso 20 aprile. Al tempo stesso a Washington una commissione del Congresso ha ascoltato le dichiarazioni di Gale Norton, segretario al Territorio durante la presidenza di George W. Bush, che ha specificato come la Bp abbia ignorato le regole stabilite nel 2003. "Se le regole fossero state seguite appropriatamente, non si sarebbe avuta nessuna fuoriuscita", ha spiegato, "Sembra che la Bp abbia violato tutte queste norme".

Emc-And

© riproduzione riservata