Giovedì 05 Agosto 2010

Fini/ Casa Montecarlo, pm Roma acquisirà documenti immobile

Roma, 5 ago. (Apcom) - Truffa aggravata. Per questa ipotesi di reato la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'inchiesta rispetto all'appartamento di Montecarlo lasciato in eredità negli anni scorsi da una nobildonna ad Alleanza nazionale. L'avvio degli accertamenti, si spiega a piazzale Clodio, è un "atto dovuto" dopo la presentazione di una denuncia. Uno dei primi passaggi degli investigatori sarà quello di acquisire i documenti rispetto al passaggio di proprietà dell'immobile e alle persone fisiche e giuridiche coinvolte. Le verifiche saranno seguite dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e affidate agli uomini della Guardia di finanza. L'esposto che ha dato origine al fascicolo è stato depositato, il 30 luglio scorso, ad una stazione dei carabinieri di fuori Roma, da parte di due esponenti del partito La Destra. In una nota della formazione guidata da Francesco Storace si riferiva che la segnalazione era stata fatta dal consigliere regionale Roberto Buonasorte e dal consigliere comunale di Monterotondo, l'avvocato Marco Di Andrea. Il Giornale da diversi giorni ha pubblicato articoli molto approfonditi e informati sulla questione. Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, alla luce di quanto riportato dal quotidiano diretto da Vittorio Feltri, pochi giorni fa aveva reso noto di aver presentato denuncia per diffamazione. "Il presidente Fini non è titolare dell'appartamento, e non sono a lui riconducibili le società che hanno acquistato l'immobile - si sottolineava in un comunicato - Del pari è falsa la notizia relativa alla cifra versata quale corrispettivo. Sarà l'autorità giudiziaria ad acclarare la totale infondatezza di quanto divulgato e ad accertare la condotta diffamatoria".

Nav

© riproduzione riservata