Giovedì 05 Agosto 2010

Scuola/Invalsi: bassi risultati alunni sud legati scarso reddito

Roma, 5 ago. (Apcom) - Il ritardo di competenze fatto registrare in occasione degli ultimi esami di licenza media dagli studenti del sud rispetto a quelli del nord è fortemente legato allo squilibrio del reddito delle famiglie: a sostenerlo l'Invalsi, l'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione, all'interno del corposo rapporto sulla prova standardizzata scritta svolta il 17 giugno scorso. Dopo aver sottolineato il gap nord-sud, concretizzatosi sino a 15 punti percentuali di differenza a favore delle regioni del settentrione, l'organo nazionale di valutazione reputa direttamente proporzionale il rapporto fra condizioni socio-economiche del territorio e risultati raggiunti dagli studenti. "Dove maggiore è la diseguaglianza del reddito - scrive l'Invalsi - è anche più elevata la varianza totale degli apprendimenti dei ragazzi e la quota di quest'ultima che va imputata alla differenza dei risultati tra scuole". In entrambe le prove somministrate, italiano e matematica, gli studenti di Campania, Calabria e Sicilia hanno fatto registrare le performance di gran lunga peggiori. Secondo i redattori del rapporto, a questo punto è evidente che la "variabilità dei risultati tra regioni non dipende solo dalle caratteristiche strutturali dei singoli sistemi scolastici ma è anche fortemente correlata con il grado di dispersione del benessere economico nelle regioni". Il nostro sistema di istruzione, in pratica, non sembrerebbe in grado di superare le disuguaglianze sociali e ambientali dei nostri studenti: "alcune tra le nostre regioni meridionali - spiegano i ricercatori - soffrono tra l'altro di una alta diseguaglianza del reddito cui si associa un'ampia diseguaglianza dei risultati scolastici. Il fatto che la variabilità di questi ultimi rifletta così da vicino condizioni strutturali della società segnala che la scuola, anche quella dell'obbligo, fatica a controbilanciare le disparità d'origine degli studenti". Amara la conclusione dell'Invalsi: "le aree del Paese che conseguono risultati migliori sono anche quelle dove la differenza delle opportunità offerte dal sistema scolastico e in particolare dalle singole scuole è più ridotta".

Alg/Cro

© riproduzione riservata