Sabato 16 Ottobre 2010

Afghanistan/ La Russa incontra Petreus, "meno italiani dal 2011"

Milano, 16 ott. (Apcom) - Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha condiviso con il generale David Petreus, comandante del contigente internazionale Isaf, gli obiettivi della missione che coinvolge anche militari italiani. "Abbiamo riconfermato la nostra adesione alla strategia che tende a ridare l'Afghanistan al governo legittimo afgano in tempo ragionevolmente breve e abbiamo anche detto che vorremo e pensiamo anche di mantenere nella zona ovest i nostri militari in funzione combat fin tanto che non riusciremo a darla al comando afgano. Questo pensiamo possa avvenire già a partire dal 2011, fermo restando che la nostra presenza in Afghanistan con gli addestratori sarà comunque continuativa fino alla fine della missione". La Russa ha detto che con Petreus non si è parlato di exit strategy perchè "più che le date abbiamo gli obiettivi. Il nostro è quello di riconsegnare all'esercito afgano il territorio in modo che possano da soli proseguire nell'azione di contrasto al terrorismo, e avviare una fase di normalizzazione di quel territorio. Penso che già alla fine del 2011 diversi distretti della zona ovest potranno essere consegnati agli afgani; Herat è già praticamente pronta". Secondo il ministro è però sbagliato "fissare il giorno, il mese e l'ora" anche se "il 2011 sarà un anno importante".

Asa/Fva

© riproduzione riservata