Mercoledì 01 Dicembre 2010

Governo/ Api: Sfiducia a premier e dopo esecutivo larghe intese

Roma, 1 dic. (Apcom) - Alleanza per L'Italia, il 14 dicembre, voterà la sfiducia a Silvio Berlusconi e poi, "anzichè chiedere elezioni che non risolverebbero nulla, visto che non ne uscirebbe una maggioranza", chiederà "un nuovo governo di larga convergenza, con un preciso programma, per affrontare la difficile crisi economica e sociale". Lo ha detto il leader della formazione, Francesco Rutelli, precisando che per il dopo Berlusconi "si partirà dal dialogo con gli "amici" del terzo polo, Udc e Fli. Per Rutelli "un nuovo governo dotato di un'ampia maggioranza per completare la legislatura è quindi un obbligo che ci deriva dai richiami della crisi". D'accordo con Rutelli il suo capogruppo alla Camera, Bruno Tabacci. "La polemica sui traditori - ha detto - non potrà durare più di 30 secondi, perchè c'è chi ha tradito il proprio Paese non governandolo. Certo Berlusconi non stenderà il tappeto rosso, ma è evidente che la maggioranza non c'è più, i numeri non ci sono. La sfiducia e nelle cose e nella prima Repubblica, uno come lui che si vanta di essere uno statista sarebbe già andato a dimettersi... Per questo chiediamo di aprire una fase nuova".

Gic

© riproduzione riservata