Venerdì 03 Dicembre 2010

Crisi/ Differenziale rendimento Btp-bund sotto 150 punti base

Roma, 3 dic. (Apcom) - Continuano a moderarsi le tensioni sui rischi di debito dei paesi dell'area euro, con attenuazioni dei rendimenti sui titoli di Stato. Una tendenza che coinvolge anche le emissioni dell'italia, tanto che oggi il differenziale (spread) di rendimento tra i Btp a 10 anni e i bund equivalenti della Germania è sceso sotto i 150 punti base. Martedì scorso questo spread aveva segnato un nuovo record, in un contesto di accresciute tensioni aveva raggiunto 210 punti base. Materialmente significava che per trovare acquirenti sul mercato i Btp dovevano offrire un rendimento di oltre 2 punti percentuali superiore a quello dei bund, utilizzati come riferimento per tutte le emissioni pubbliche nell'eurozona. Oggi invece a metà giornata il differenziale Btp-bund cala fino a 147 punti base, ovvero 1,47 punti percentuali. A placare le tensioni dei mercati sono state le decisioni della Bce, annunciate ieri: l'istituzione monetaria proseguirà anche nel 2011 diverse misure anti crisi adottate nei mesi scorsi per calmierare i mercati. In particolare continuerà ad effettuare acquisti di bond di paesi dell'area euro, operazioni mirate ai segmenti sotto tensione, e al tempo stesso continuerà a erogare alle banche commerciali finanziamenti agevolati.

Voz

© riproduzione riservata