Martedì 07 Dicembre 2010

Crisi/Eurogruppo,respinta proposta Juncker-Tremonti su eurobond

Bruxelles, 7 dic. (Apcom) - Iniziata con grandi aspettative, la riunione di ieri dell'eurogruppo, a Bruxelles, si è conclusa poco prima delle 22 senza nessuna nuova decisione e con la bocciatura delle due proposte sottoposte ai ministri delle Finanze per rafforzare la stabilità dell'Eurozona di fronte alla crisi del debito sovrano e agli attacchi dei mercati contro le sue economie più vulnerabili. Ufficialmente, anzi, delle due proposte, l'aumento delle risorse a disposizione del Fondo di stabilità (Efsf) già operante, e del meccanismo permanente che lo sostituirà dal 2013, e l'emissione di 'eurobond', attraverso un'agenzia europea, che 'europeizzi' una parte del debito pubblico dei paesi membri, i ministri non avrebbero neanche parlato, secondo il resoconto della riunione che ha fatto il presidente dell'eurogruppo, Jean-Claude Juncker, alla conferenza stampa finale. "Il tema degli eurobond non era all'ordine del giorno e quindi non ne abbiamo parlato", ha detto Juncker, che aveva avanzato la proposta insieme al ministro dell'Economia italiano, Giulio Tremonti, con una lettera al 'Financial Times' di ieri. Tuttavia, il presidente dell'eurogruppo ha difeso il progetto con la consueta ironia: "Ne ho parlato con Tremonti - ha detto - e l'idea non è così stupida come sembra. Si deve entrare nei dettagli della sua articolazione". Juncker ha ricordato di aver proposto il cosiddetto 'semestre europeo' (l'esame congiunto dei bilanci annuali degli Stati membri prima della loro approvazione nei parlamenti nazionali) "una prima volta nel gennaio 2005 e nessuno l'accolse, poi di nuovo l'11 febbraio 2010, e ancora nessuno ci credeva: ora è diventato realtà, e dall'anno prossimo ci sarà il semestre europeo; lo stesso fato - ha profetizzato - è riservato agli eurobond". Per ora, comunque, la proposta si è arenata di fronte alla rigida opposizione dei tedeschi, degli olandesi e degli austriaci, mentre non ha potuto svolgere la consueta opera di mediazione il ministro francese delle Finanze, Christine Lagarde, che ha partecipato solo a una parte della riunione via teleconferenza dall'India, dove si trovava ieri. (segue)

Loc

© riproduzione riservata