Giovedì 09 Dicembre 2010

Tortura/ Acat: pratica "endemica e regolare" in metà paesi Onu

Parigi, 9 dic. (Apcom) - La tortura - che si tratti del "waterboarding" statunitense o della "falaqa" (bastonatura delle piante dei piedi) dei Paesi arabi - è consuetudine "endemica e regolare" in tutto il mondo: lo afferma l'ong Acat (Azione dei cristiani per l'abolizione della tortura) nel suo primo rapporto annuale sulla questione. L'ong constata come in base a "una stima ragionevole" oltre la metà dei Paesi membri dell'Onu ricorre alla tortura, non solo regimi totalitari, teocrazie e dittature, ma anche Paesi "segnati dalla fragilità e dalla violenza politica": tra le pratiche segnalate la crocifissione in uso in Eritrea (sotto la denominazione "Gesù Cristo") e il lavaggio forzato con acqua e pepe introdotto di recente in Uzbekistan. Quanto alle vittime - sebbene in casi più pubblicizzati riguardino giornalisti, politici o sindacalisti - la maggior parte appartiene alla categoria dei sospetti o detenuti comuni, parte delle comunità "maggiormente sfavorite o vulnerabili tra ogni popolazione".

Mgi

© riproduzione riservata