Martedì 08 Febbraio 2011

Libro controcorrente su bin Laden: "Non odia libertà americane"

New York, 8 feb. (TMNews) - Un ritratto inedito e una tesi controcorrente sulla natura del terrorista più ricercato del globo. Michael Scheuer, ex capo dell'unità Bin Laden della Cia, nel suo nuovo libro 'Osama Bin Laden' ricorre a un ampio corpo di citazioni del fondamentalista islamico, tracciando un profilo ben diverso da quello delineato nel mondo occidentale. "Il vero pericolo - dice Scheurer al quotidiano Metro - è che noi finiamo con il combattere un nemico che nella realtà non esiste". Il Bin Laden che ci è stato raccontato non sarebbe altro che la costruzione di un nemico immaginario. Secondo Scheuer, "stiamo cercando di eliminare un nemico che pensiamo detesti tutte le nostre libertà: donne sul posto di lavoro, libere elezioni, birra Budweiser, film vietati. Invece basterebbe leggere ciò che ha scritto nella sua vita per accorgersi che non ha mai inveito contro la nostra società di debosciati e che l'obiettivo della rabbia islamica è ciò che il governo americano fa e non certo quello che gli americani pensano o il modo in cui vivono". Per instillare il dubbio, in modo per certi versi provocatorio, Scheurer dedica al primo nemico degli Stati Uniti alcuni aggettivi che devono aver fatto sobbalzare dalla sedia più di un americano: "pio, coraggioso, generoso, intelligente, carismatico, paziente, visionario, testardo, egalitario, realista".

A24

© riproduzione riservata