Martedì 08 Febbraio 2011

Domani Roma in lutto per i bimbi Rom, indagati genitori

Roma, 8 feb. (TMNews) - Domani a Roma giornata di lutto cittadino per ricordare Eldeban, Raoul, Elena e Sebastian, i quattro bambini rom morti domenica sera per un incendio scoppiato nella baracca in cui vivevano sulla via Appia Nuova. Per l'occasione il cardinale vicario Agostino Vallini presiederà una veglia di preghiera diocesana per i piccoli. L'appuntamento è alle 17.30 nella basilica di Santa Maria in Trastevere, la 'chiesa madre' della Comunità di Sant'Egidio. La Procura di Roma, intanto, oggi ha iscritto sul registro degli indagati per abbandono di minore Liliana e Mirko Mircea, i genitori dei 4 piccoli nomadi. Secondo quanto si è appreso, la contestazione formale è stata dovuta ad una ricostruzione di quanto accaduto dopo la trasmissione a piazzale Clodio dei rapporti di polizia e dei vigili del fuoco. Gli inquirenti sono in attesa di ricevere i risultati dell'autopsia, prevista per venerdì prossimo. Il rinvio è stato determinato dalla necessità di nominare il giudice tutelare che potrebbe far partecipare un consulente agli accertamenti clinici. Un provvedimento inevitabile dopo l'iscrizione sul registro degli indagati dei genitori dei piccoli. L'esame autoptico sarà svolto dagli esperti dell'Istituto di Medicina legale della Sapienza. Anche oggi il sindaco della capitale, Gianni Alemanno, è tornato a parlare della tragedia, parlando dei campi nomadi a Roma come "una vera emergenza da risolvere", per risolvere la quale servono più fondi e poteri speciali che consentano di superare i cavilli burocratici. Il Campidoglio ha reso nota la lettera che Alemanno ha inviato al ministro dell'Interno Roberto Maroni, nella quale il sindaco chiede di allestire una tendopoli con 500 tende per l'accoglienza temporanea dei nomadi in attesa della costruzione di nuovi insediamenti, di realizzare tre nuovi villaggi e stanziare altri 30 mln per l'emergenza. L'aula della Camera, infine, ha aperto la seduta del pomeriggio tributando ai 4 piccoli un minuto di silenzio.

Sav

© riproduzione riservata