Lunedì 14 Febbraio 2011

1 famiglia su 4 in difficoltà con rate del mutuo, per studio Cgil

Roma, 14 feb. (TMNews) - Diventa sempre più necessario rilanciare una politica abitativa che non sia limitata a incentivare la proprietà ma che guardi e aumenti l'offerta nel mercato dell'affitto. Secondo un'analisi del dipartimento Ambiente e territorio della Cgil nazionale c'è una "mancanza di misure adeguate per sostenere il mercato dell'affitto" mentre è "concreto il rischio di povertà per chi acquista un'abitazione". Secondo le elaborazioni della Cgil si stima che 1 famiglia su 4 tra quelle che per abbandonare l'affitto acquisteranno un'abitazione, chiedendo un finanziamento bancario, sarà a rischio povertà, a causa dell'alto livello di incidenza della rata. Per la Cgil l'indebitamento per l'acquisto o la ristrutturazione di immobili in Italia ha interessato, nel 2008, il 12,6% dei nuclei familiari, circa 3 milioni di famiglie, con un'incidenza media sul reddito pari al 17,1% con punte del 38% per le famiglie con redditi inferiori a 15mila euro". Inoltre si rileva come il 30% delle famiglie con mutuo ha dichiarato nel 2008 di avere difficoltà per il pagamento, ma senza rischi attuali di insolvenza, il 10% notevoli difficoltà mentre il 3% non riesce a rispettare le scadenze. Quasi 1 famiglia su 2 attualmente fa fatica o ha forti difficoltà per pagare il mutuo. Per questo secondo il sindacato di Corso d'Italia occorre "rilanciare una politica abitativa per il paese anche nel mercato dell'affitto" che, a detta della Cgil, "a prezzi compatibili può rappresentare una scelta per le famiglie".

Rbr

© riproduzione riservata