Lunedì 14 Febbraio 2011

Iran/ Caos a Teheran,violenti scontri fra polizia e manifestanti

Roma, 14 feb. (TMNews) - E' "caos totale" nel centro di Teheran, dove sono in corso violenti scontri fra manifestanti dell'opposizione e polizia, in assetto antisommossa; altre proteste sarebbero in corso anche nelle città di Isfahan e Shiraz. Lo riporta la Bbc, citando un suo produttore nella capitale iraniana, colpito dai gas lacrimogeni degli agenti. Al momento non si ha alcun bilancio ufficiale delle vittime: tuttavia alcune fonti dell'opposizione iraniana, fra cui la Human Rights Activist News Agency (Hrana) riportano che fra i manifestanti vi sarebbero almeno un morto e due feriti. Gli arresti, stando a questa fonte, sarebbero circa 250. Secondo le testimonianze locali gli agenti hanno fatto uso di lacrimogeni e di proiettili riempiti di vernice ("paintball") per la successiva identificazione dei manifestanti, alcuni dei quali sarebbero stati arrestati; agli arresti domiciliari, ancor prima dell'inizio della protesta, è finito uno dei leader dell'opposizione moderata, Hossein Mir Mousavi. Il corteo di Teheran, all'inizio silenzioso, era formato da piccoli gruppi di manifestanti che si sono riuniti nei pressi della piazza di Azadi ("Libertà"): successivamente, alcuni oppositori hanno lanciato slogan anti-governativi e dato fuoco ad alcuni bidoni della spazzatura. La manifestazione era stata convocata dall'opposizione "verde" al governo del presidente Mahmoud Ahmadinejad in segno di appoggio ai movimenti popolari in Egitto e Tunisia, approvati di fatto anche dalle autorità della Repubblica Islamica: il governo iraniano aveva tuttavia vietato qualsiasi forma di raduno nella capitale per evitare che l'opposizione potesse sfruttare gli avvenimenti egiziani e tunisini come mezzo per rinfocolare la proteste di piazza del dicembre del 2009.(con fonte Afp)

Mgi-Fcs-Ape

© riproduzione riservata