Sabato 19 Febbraio 2011

Pd/ Bersani lancia rivoluzione rosa:Metà dei ministri siano donne

Roma, 19 feb. (TMNews) - "Le donne come protagoniste del cambiamento e come misura di giudizio del cambiamento". Pier Luigi Bersani scalda la platea della conferenza nazionale delle donne democratiche e la investe del compito di "continuare la battaglia civile", iniziata domenica 13 febbraio con la manifestazione 'Se non ora, quando?', "in rapporto con il movimento" dandosi "nuovi appuntamenti". In particolare a marzo, nel mese, secondo il segretario del Pd, "del risveglio, della riscossa italiana": perché proprio nel giorno della festa delle donne, l'8, ricorda, verranno consegnate le firme raccolte dal partito per chiedere le dimissioni di Berlusconi e "da lì dobbiamo pensare a come creare un ponte con il 17 marzo", festa nazionale per i 150 anni dell'unità d'Italia. Il numero uno dei democratici ha insistito molto anche sul "valore aggiunto della presenza femminile nel partito" sottolineando la sua decisione di scegliere la metà dei componenti della sua segreteria donne e lanciando una proposta: "Una legge di iniziativa popolare per chiedere che metà dei ministri del governo nazionale siano donne". Quindi ha concluso: "Senza le donne il cambiamento non fa un passo avanti. E senza un passo avanti delle donne non c'è cambiamento".

Luc

© riproduzione riservata