Domenica 20 Febbraio 2011

Libia/ Rivolta nel sangue, scontri notturni: 12 morti a Bengasi

Roma, 20 feb. (TMNews) - La Libia del colonnello Muammar Gheddafi è in preda ad una contestazione senza precedenti contro un potere che dura da più di 40 anni e sta cercando di resistere alle proteste libertarie scoppiate sull'onda delle rivolte in Tunisia ed Egitto. Il leader libico ha reagito con la forza alle manifestazioni di protesta degli ultimi giorni, schierando la polizia in forze. Almeno 12 persone sono state uccise ieri in scontri tra dimostranti anti-regime e soldati a Bengasi, ha riferito il quotidiano Quryna vicino a uno dei figli del colonnello, Seif el-islam Gheddafi. Cecchini hanno sparato sulla folla che partecipava a un corteo funebre. Ed è stata una notte di scontri anche a Tripoli, ma al momento non è chiaro se vi siano state vittime. Secondo un conteggio compiuto dall'Afp, almeno 77 persone sono morte in Libia dall'inizio della sommossa popolare, la maggior parte a Bengasi. L'organizzazione non governativa Human Rights Watch ha invece stilato un bilancio ben più pesante, di almeno 84 morti a partire da giovedì. Secondo un testimone citato dal quotidiano britannico The Independent, Ahmed Swelim, le vittime sarebbero molte di più. "Il bilancio è molto più alto di quanto riferito. Ci sono più di 200 morti. Mio cugino, che è un medico di un grande ospedale, ha visto i cadaveri. Ci sono più di 1.000 feriti", ha spiegato. Intanto, le autorità libiche hanno spiegato di avere arrestato decine di cittadini arabi appartenenti a "un'organizzazione" che avrebbe come suo fine ultimo la destabilizzazione del paese. Secondo l'agenzia ufficiale Jana, che cita fonti della sicurezza, "le persone arrestate sono state prelevate in alcuni villaggi libici" perché impegnati a compromettere "la stabilità della Libia, la sicurezza dei suoi cittadini e la loro unità nazionale". Si tratta di "cittadini di nazionalità tunisina, egiziana, sudanese, palestinese, siriana e turca". Coa 200907 feb 11

MAZ

© riproduzione riservata