Giovedì 24 Febbraio 2011

Immigrati/ Maroni: Da Libia rischio completamente nuovo per Ue

Bruxelles, 24 feb. (TMNews) - Il ministro degli Interni, Roberto Maroni, chiede la solidarietà dell'Ue di fronte al rischio che la situazione esplosiva in Libia provochi un'ondata senza precedenti di profughi verso l'Italia e gli altri paesi mediterranei, ma non si fa illusioni sul sostegno degli Stati membri del Nord Europa. Arrivando al Consiglio Affari interni dell'Ue, che si tiene oggi a Bruxelles, e che si occuperà su richiesta dell'Italia, fra l'altro, dell'emergenza migrazioni dal Nord Africa, Maroni ha affermato: "Spero di avere il sostegno dell'Ue", perché "ciò che sta accadendo nel Mediterraneo non è solo un problema per l'Italia e per gli altri paesi dell'area, ma è un problema per l'Europa e per il mondo. È un'emergenza umanitaria, e occorrono tutte le misure per far fronte a una situazione catastrofica. L'Italia non può essere lasciata sola". Il ministro ha ricordato poi i risultati della riunione di ieri a Roma con i colleghi degli altri paesi mediterranei (Francia, Spagna, Grecia, Cipro, Malta): nella riunione "noi abbiamo fatto delle richieste, che abbiamo poi presentato all'Ue, dalla costituzione di un fondo straordinario per l'emergenza umanitaria all'accettazione del principio del 'burden sharing' (ripartizione degli oneri, ndr). Il modello sociale europeo - ha sottolineato il ministro - si fonda sul principio di solidarietà, e prevede che quando uno Stato membro è in difficoltà gli altri Stati membri lo aiutano". Maroni ha poi ricordato le cifre citate ieri da fonti dell'agenzia Frontex per la sorveglianza delle frontiere Ue, secondo le quali in Libia vi sarebbero da 500mila 1,5 milioni di cittadini non libici, e quindi di potenziali profughi nel caso in cui si aggravasse la guerra civile. "L'invasione di un milione e mezzo di profughi metterebbe in ginocchio qualunque stato. Noi chiediamo la solidarietà dell'Ue nell'accoglienza e nella situazione che potrebbe eventualmente crearsi per i profughi". (Segue)

Loc/Sar

© riproduzione riservata