Giovedì 24 Febbraio 2011

Calcio/ Ibra: Per Mou avrei ucciso, altro che il filosofo Pep...

Roma, 24 feb. (TMNews) - Zlatan Ibrahimovic non ha dubbi: tra Josè Mourinho e Pep Guardiola l'attaccante del Milan sceglie lo Special One e lo fa inviando nuove bacchettate al tecnico del Barcellona. In un'intervista ad Eurosport il centravanti svedese è tornato sulla sua fallimentare esperienza spagnola, un flop da 70 milioni di euro: "Nel Barcellona ho capito come nel calcio le cose possono cambiare velocemente. Il mio problema lì è stato un uomo, e cioè 'il filosofo'", ha detto Ibrahimovic riferendosi polemicamente a Guardiola. "Io non avevo problemi con nessuno, non c'è nessuno che può dire che ho fatto qualcosa di male e nei primi sei mesi era tutto eccezionale", ha aggiunto, "andava tutto molto bene ma poi è successo qualcosa anche se non so che cosa. Sto ancora aspettando una risposta ma fatto sta che dopo i primi due mesi del 2010 non mi ha parlato più". Automatico, naturalmente, il paragone con Mourinho: "Se non hai qualcuno che ti motiva non sei portato a lottare ed è per questo che esistono gli allenatori. Per Mourinho avrei ucciso per le motivazioni che mi ha dato", ha detto ancora Ibra parlando dell'attuale allenatore del Real Madrid, "per come mi ha stimolato. Con l'altro c'era il calcio ma un allenatore deve adattare il suo gioco ai calciatori che ha, specie se ne ha comprato uno per 70 milioni di euro. E se l'ha comprato non l'ha comprato per lasciarlo a guardare gli uccelli sugli alberi". Con la possibilità concreta di una volata scudetto con l'Inter, Ibrahimovic non risparmia frecciatine neanche alla sua ex squadra. "Non posso parlare male dell'Inter perchè lì ho vissuto momenti fantastici ma storicamente credo che il Milan sia un club più importante. Quando sono arrivato qui mi è stato un presentato un progetto che ruota attorno a me e mi sono state promesse tante cose su cui si sta lavorando. È un progetto che sta crescendo e credo che il prossimo sarà l'anno giusto per lottare su tutti i fronti".

CAW

© riproduzione riservata