Sabato 05 Marzo 2011

Egitto/ Chiesa bruciata per amore fra cristiano e musulmana

Roma, 5 mar. (TMNews) - Due morti e una chiesa data alle fiamme: è questo il bilancio di una faida religiosa che ha avuto come protagoniste due famiglie del villaggio egiziano di Sol, a sud del Cairo. Dietro le violenze, la relazione amorosa fra un cristiano e una musulmana, un tabù in Egitto, dove i matrimoni interreligiosi sono proibiti a meno di una previa conversione all'islam. "Due uomini sono stati uccisi e la chiesa di Shahedain è stata data alle fiamme", hanno indicato fonti della sicurezza egiziana all'agenzia Mena. Le violenze sarebbero iniziate con un litigio fra un contadino e suoi parenti, infuriati perché l'uomo non aveva reagito alla relazione fra un mercante cristiano e sua figlia. Secondo quanto riportato dalla France Presse, alla disputa è seguita una sparatoria in cui i genitori di entrambi gli amanti sono rimasti uccisi. Dopo il funerale del padre della donna, un gruppo di musulmani ha appiccato fuoco alla chiesa del villaggio. L'esercito è riuscito comunque a trarre in salvo i fedeli e spegnere il fuoco. I copti sono stimati fra il 6% e il 10% della popolazione egiziana: le violenze nei loro confronti non sono rare e la comunità copta si sente sempre più in pericolo, soprattutto dopo l'attentato che nella notte di capodanno ha provocato 22 morti in una chiesa di Alessandria.

Ape

© riproduzione riservata