Mercoledì 09 Marzo 2011

Calcio/ Adriano: Via a testa alta, gli infortuni un segno di Dio

Roma, 9 mar. (TMNews) - Ogni tanto da lassù si interessano anche di calcio. Accadeva qualche anno fa all'ex interista Taribo West, che chiese un posto in squadra a Marcello Lippi sostenendo di avere avuto istruzioni precise direttamente da Dio, e si accade anche oggi con Adriano. Già, perché l'Imperatore ha deciso di salutare di nuovo l'Italia seguendo un consiglio divino. L'attaccante brasiliano lo ha spiegato in un'intervista a Sky Sport, dicendosi sicuro di lasciare la Roma "a testa alta": "Non ho mai trattato male nessuno", ha detto Adriano, "ho rispettato tutti ma con tutti questi infortuni ho capito che non ce la facevo più e ho deciso di tornare i Brasile. Non mi sono mai infortunato così tanto, forse è stato un segno di Dio che così mi ha fatto capire che è meglio tornare in Brasile. Ho due figli che mi mancano tanto, non è semplice farli venire qui". All'indomani della rescissione consensuale del contratto che lo legava al club capitolino il centravanti brasiliano ha assicurato di avere maturato la decisione di lasciare l'Italia a causa degli infortuni e della nostalgia dei figli, rimasti in Brasile. "Abbiamo deciso insieme", ha detto l'Imperatore a Sky Sport: "Potevo anche rimanere in Brasile, ma non ho voluto fare come quando ero all'Inter e rifiutai di tornare a parlare con la società. Con questa decisione sto perdendo dei soldi ma nella vita preferisco essere felice. Me ne vado a testa alta".

Grd-Caw

© riproduzione riservata