Venerdì 01 Aprile 2011

Giustizia/ Alfano: lancio scheda alla Camera? Non sono robot

Roma, 1 apr. (TMNews) - Uno sfogo, nervosismo forte e la scheda per votare lanciata ma non contro l'opposizione. "Non sono un robot" è la difesa di Angelino Alfano, ministro della Giustizia, per il gesto di ieri in Aula nel voto sul processo verbale che ha visto la maggioranza battuta. "Nell'Aula di Montecitorio non abitano i robot" ha detto Alfano al Corriere della Sera, e la scheda l'ha lanciata "in aria, figuriamoci se ho scagliato qualcosa contro qualcuno" perché "avevo fatto una corsa per andare a votare il processo verbale. Avevo raggiunto il banco e inserito la tesserina ma queste votazioni magnetiche con le impronte digitali sono lunghe, si fa prima a fare un bancomat. Non ho fatto in tempo e con me altri tre ministri. E' stato quando ho sentito l'esito della votazione che mi sono innervosito". Anche perché "sapevo che quel voto" sul processo verbale, chiesto dall'opposizione perché non figurava l'inversione dell'ordine del giorno sul processo breve voluta giovedì dalla maggioranza "avrebbe condizionato tutta la giornata. E non è bello che si blocchi una legge in materia di giustizia anche a causa del ministro della Giustizia". Ora teme sanzioni? "E perché? Non ho fatto male e non ho insultato nessuno. Infatti non vi è stato alcun seguito".

Mdr

© riproduzione riservata