Venerdì 01 Luglio 2011

Intercettazioni/ Di Pietro: Grave siano priorità Berlusconi

Roma, 1 lug. (TMNews) - "Con tutte le urgenze e le emergenze che bisogna affrontare, ancora una volta il pallino di Berlusconi sono le leggi in materia di giustizia per impedire ai magistrati di far il loro lavoro e di combattere il crimine". Il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, commentando la determinazione del Premier Silvio Berlusconi per una stretta sulle intercettazioni, ha sottolineato come sia "grave che il governo al primo posto continui a mettere la riforma delle intercettazioni per ridurne la portata e l'efficacia". "L'unica riforma di cui ha bisogno la giustizia -ha detto ancora Di Pietro- è dare al comparto più uomini e più mezzi per contrastare la criminalità. L'unica cosa che invece preoccupa Berlusconi e il suo governo è quella di togliere uno strumento indispensabile come quello delle intercettazioni. I criminali si avvalgono delle moderne tecnologie per commettere con successo i loro reati e non si capisce perché i magistrati non debbano utilizzare gli stessi strumenti per contrastarli".

Tor

© riproduzione riservata