Lunedì 01 Agosto 2011

Crisi/ Mercati Ue salutano accordo Usa,Milano lima rialzi:+0,59%

Roma, 1 ago. (TMNews) - Proseguono i rialzi delle Borse europee, scattati in risposta all'annuncio dell'accordo negli Usa - che dovrà essere confermato a livello parlamentare - tra leader democratici e repubblicani per alzare i limiti sul debito, e scongiurare così un imminente insolvenza sui pagamenti; più incerto il quadro a Milano dopo che i forti rialzi registrati in apertura si sono decisamente smorzati con il passare delle ore, fin quasi ad azzerarsi a tratti. A tarda mattina l'indice Footsie-Mib segna un più 0,59 per cento. Intanto in un quadro di perdurante volatilità, permangono pressioni sui titoli di Stato italiani, dopo che la scorsa settimana una lunga serie di sviluppi negativi dalle agenzie di rating su diversi paesi dell'area euro aveva ricreato tensioni generalizzate. Le tensioni sui titoli di Stato si evidenziano in aumenti dei rendimenti dei bond già scambiati sul mercato, che sono in un rapporti inversamente proporzionale al prezzo: se questo cala i tassi retributivi ne risultano aumentati. Venerdì scorso i rendimenti sui Btp nella scadenza decennale si erano avvicinato al 6 per cento, toccando un 5,96 per cento e facendo riallargare il differenziale (spread) rispetto ai Bund della Germania - ritenuti molto sicuri e usati come riferimento per tutta l'area euro - a circa 338 punti base. Stamane i rendimenti dei Btp decennali si sono leggermente attenuati, al 5,79 per cento secondo Tradeweb, mentre lo spread sui Bund si è attenuato a 321 punti base. Materialmente significa che i meccanismi di domanda e offerta del mercato pretendono dalle emissioni italiane 3,21 punti percentuali di rendimento in più rispetto a quelle tedesche, come maggiorazione di premio di rischio. Anche se attenuato, questo differenziale resta vicino ai picchi da oltre 340 punti base toccati nelle passate settimane.

Voz

© riproduzione riservata