Martedì 09 Agosto 2011

Londra a ferro e fuoco, gli scontri si allargano ad altre città

Roma, 9 ago. (TMNews) - Non solo Londra. Le rivolte e i saccheggi che hanno colpito la capitale del Regno Unito si sono estese a molte altre città del Paese, tra cui Birmingham, Liverpool, Manchester, Nottingham e Bristol. La polizia ha mobilitato altri 1.700 agenti nella capitale, dove sono stati saccheggiati negozi e appiccati incendi negli edifici. Ma è polemica sull'efficacia dell'intervento delle forze dell'ordine: la tv satellitare Sky News ad esempio ha mostrato la zona di Clapham Junction completamente in mano a bande di giovani, che hanno assaltato tutti i negozi (un'agenzia di scommesse, un fast food e un salone di bellezza) che trovavano senza incontrare nemmeno un agente sulla loro strada. Daily Star, Daily Mail e Sun hanno esplicitamente parlato nei loro titoli di apertura di anarchia. Il primo ministro David Cameron ha anticipato il rientro dalle sue vacanze in Toscana per affrontare l'emergenza, scoppiata sabato a Tottenham in seguito alla morte di un pregiudicato 29enne, Mark Duggan, avvenuta in uno scontro a fuoco con la polizia. Almeno 334 persone sono state arrestate e 69 incriminate a Londra per le rivolte degli ultimi tre giorni, ha annunciato Scotland Yard. Oggi tre persone sono state arrestate per tentato omicidio dopo che un agente è rimasto ferito, colpito da un'auto a Brent - nord ovest di Londra - mentre cercava di fermare un sospetto saccheggiatore.

Fco

© riproduzione riservata